Cosa fa il gelo alla vostra tecnologia pneumatica?

Cosa ci aspetta a febbraio?

Febbraio è il mese in cui qui si misurano le temperature più basse. Di solito, la temperatura media di febbraio va da -5°C a 4°C.

Verso la fine di gennaio, i meteorologi hanno previsto un clima mediamente caldo per questo febbraio con precipitazioni da medie a leggermente superiori alla media. Tuttavia, queste previsioni non sono molto precise ed è sempre meglio essere preparati a un inverno peggiore.

In che modo il gelo influenzerà la tecnologia?

L’intervallo di temperatura di esercizio del compressore è sempre indicato nella sua documentazione. Di solito va da un minimo di +5 °C a un massimo di +35 a 45 °C a seconda del tipo di compressore. Tuttavia, la temperatura ambiente non dovrebbe mai scendere sotto il punto di congelamento.

Il nostro grande nemico è l’acqua nell’aria compressa. Quando la temperatura scende, l’acqua si condensa più facilmente e può anche congelare . Pertanto, il ghiaccio si aggiunge ai soliti problemi con l’acqua nel sistema pneumatico, come la riduzione della qualità dell’aria in uscita, l’ossidazione e l’erosione delle parti metalliche della tecnologia o la moltiplicazione dei batteri.

Il ghiaccio ha un volume in rapporto all’acqua di 12:11 e la sua pressione alla temperatura di -22 °C arriva fino a 210 MPa. Può causare l’ostruzione di alcune parti della tecnologia, come tubi, scarichi di condensa o filtri, o anche il loro danneggiamento meccanico permanente . 

Un altro problema invernale è la viscosità dell’olio . Più bassa è la temperatura, meno liquido è l’olio e meno efficace come lubrificante. Il risultato è un maggiore consumo di energia e una maggiore usura del motore del compressore. In casi estremi, il compressore potrebbe arrestarsi completamente. In alternativa, a causa della maggiore resistenza del compressore, caricare il motore con maggiore assorbimento di corrente.

Il gelo influisce anche sugli essiccatori d’aria a condensazione. L’acqua al loro interno può congelare o la valvola di scarico può congelare , sia in posizione aperta che chiusa. Negli essiccatori ad adsorbimento, la rigenerazione della camera di gel di silice satura potrebbe non funzionare correttamente a causa della bassa temperatura  .

E con questo?

L’ispezione preventiva e la manutenzione sono significativamente più economiche rispetto alla risoluzione dei problemi, alla risoluzione dei guasti di produzione o persino all’acquisto di un nuovo compressore. Quando si prevede il gelo, si consiglia di controllare:

  • Luoghi in cui l’acqua si condensa nel sistema pneumatico.
  • Valvole scarico condensa.
  • Perdite d’acqua dalla tecnologia.
  • Filtri dell’aria.
  • Stato dell’olio del compressore.
  • Temperatura dell’aria nella sala compressori.
  • Chiusura delle prese d’aria e degli scarichi della sala compressori utilizzata nel periodo estivo.

Se non stai già utilizzando una qualche forma di monitoraggio remoto del tuo sistema pneumatico, ora è il momento di iniziare a pensarci. 

Quando il compressore si congela, chiudere l’alimentazione dell’aria fredda e aumentare la temperatura attorno ad esso. Il compressore si riscalderà più velocemente se si apre la porta o si rimuovono i pannelli esterni. Puntare una fonte di calore sicura sul serbatoio dell’olio. Quando il compressore si avvia, guardalo per rumori insoliti o perdite.

Potrebbe essere necessario resettare l’allarme di temperatura per avviare il compressore. Dopo l’avvio, il compressore di solito genera calore sufficiente per il successivo funzionamento.

Vuoi essere sicuro che il gelo non danneggi la tua tecnologia pneumatica o riduca la qualità dell’aria compressa? Stai pensando di modernizzare il tuo impianto pneumatico o di acquistarne uno nuovo ?


Sulla base dell’esperienza pluriennale dei nostri esperti vi aiuteremo a preparare la vostra tecnologia pneumatica anche per temperature molto basse, controllare la distribuzione del sistema pneumatico, rilevare e misurare le perdite in esso e rendere il funzionamento della vostra tecnologia più efficiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *