Informazioni utili sui compressori Oil Fre

Ci sono molti miti e imprecisioni nel mercato riguardo ai compressori oil-free. In qualità di fornitori di questa tecnologia vi presentiamo quindi un articolo in cui mettiamo le cose in chiaro.

Un compressore oil-free non ha bisogno di olio

Sebbene possa sembrare così secondo la loro etichetta, non è vero. Solo l’olio non viene utilizzato nella camera di pressione, dove vengono invece utilizzati speciali materiali di scorrimento autolubrificanti , ad esempio una combinazione di una superficie del cilindro in ceramica con fasce elastiche in teflon nei compressori a pistone. Nei compressori a vite, l’olio non viene utilizzato nella zona di compressione, ma in altre parti del compressore viene utilizzato per la sua lubrificazione e raffreddamento. Tuttavia, a differenza dei compressori ad olio, è dotato di una guarnizione che impedisce all’olio di entrare nell’aria compressa.

I compressori oil-free sono costosi

Sì, l’investimento iniziale per un compressore oil-free industriale è superiore a quello per uno a olio. D’altra parte, hanno intervalli di manutenzione più lunghi , perché non è necessario cambiare l’olio e i filtri dell’olio così spesso. Ciò non solo riduce i costi di assistenza, ma riduce anche i frequenti tempi di inattività della tecnologia.

Ad esempio, i compressori scroll oil-free AFLATEK possono funzionare ininterrottamente fino a 10.000 ore, escluso il filtro di aspirazione. Lo smaltimento ecologico della condensa è anche più economico per i compressori oil-free , perché non contiene olio. 

I compressori oil-free hanno una durata leggermente inferiore, che tuttavia viene estesa dai produttori che utilizzano materiali moderni di alta qualità e, possibilmente, velocità inferiori.

L’aria non contiene contaminazione

Ci sono molti diversi tipi di contaminazione nell’atmosfera che ci circonda. Dal vapore acqueo, passando per polvere e polline fino a microrganismi pericolosi, ma anche particelle di olio. Tutti questi possono anche entrare nell’aria compressa grazie all’aspirazione del compressore. Pertanto, è necessario regolare e filtrare ulteriormente l’aria compressa così prodotta, anche nei confronti di particelle e vapori d’olio.

Non è necessario regolare ulteriormente l’aria

Come accennato nel punto precedente, l’aria compressa contiene una serie di impurità e la stessa tecnologia pneumatica può aggiungerne altre. Anche l’aria compressa dei compressori oil-free contiene tracce di olio. Può penetrarvi dall’aria atmosferica aspirata dal compressore, ma anche dalla linea, dove si è depositata durante l’utilizzo del compressore dell’olio, oppure per errore o difetto tecnico, ad esempio per rottura di una guarnizione. 

Anche nel caso di compressori oil-free è quindi necessario utilizzare filtri, essiccatori e altri trattamenti dell’aria compressa secondo la classe di pulizia richiesta dalla tecnologia data.

È adatto solo per la medicina, la farmacia e l’industria alimentare

I compressori oil-free sono utilizzati in un’ampia gamma di altre applicazioni, oltre a quelle sopra menzionate. È adatto ovunque sia necessaria aria compressa con elevata purezza. Questo è, ad esempio, la verniciatura , l’ industria elettrotecnica o anche applicazioni come ferrovie o stazioni di servizio.

Stai scegliendo un nuovo compressore e non sai se scegliere oil-free o oil-free? Sei preoccupato per una bolletta elettrica elevata o perdite di aria compressa? Sulla base dell’esperienza pluriennale dei nostri esperti possiamo aiutarvi a progettare e controllare i sistemi di distribuzione dell’aria compressa, rilevare e misurare le perdite, eseguire revisioni o formare gli operatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *