L’aria compressa nell’era dell’Industria 4.0

Cos’è l’Industria 4.0?

Il concetto della quarta rivoluzione industriale è stato menzionato per la prima volta nel 2013 alla fiera di Hannover, in Germania. Dovrebbe essere un altro salto nello sviluppo dell’industria dopo l’uso dell’energia idrica e del vapore, la produzione di massa e il coinvolgimento dei computer nella produzione.

Ha concretizzato una visione un po’ più antica della direzione in cui andrà lo sviluppo della produzione industriale nel prossimo periodo. Secondo loro, ci saranno “fabbriche intelligenti” controllate da sistemi cyber-fisici che prenderanno il posto delle attività lavorative semplici e ripetitive delle persone.

Industria 4.0 è un’opportunità o una minaccia?

Ogni cambiamento porta sia opportunità che minacce. Le aziende sono costrette a investire in automazione e robotizzazione, ma lo stato risultante consentirà loro di espandere la produzione, ridurre i costi del personale, limitare il rischio di errore umano e aumentare la loro competitività sul mercato e il valore aggiunto.

L’avvento dell’Industria 4.0 rappresenta un rischio per quei dipendenti e quelle aziende che non si adattano abbastanza rapidamente, poiché i loro servizi e prodotti diventeranno meno desiderabili nel tempo. In particolare, i dipendenti che svolgono compiti semplici e ripetitivi dovranno essere riqualificati per attività con un valore aggiunto più elevato, ad esempio servizi relativi al servizio clienti, sviluppo di nuovi prodotti, produzione chiavi in ​​mano su piccola scala e simili.

Come si rifletterà l’Industria 4.0 nei sistemi pneumatici?

Parte dell’automazione è il cosiddetto Internet of Things, IoT. Tutte le macchine e gli elementi chiave della produzione saranno dotati di elettronica intercomunicante, che insieme ai sistemi di controllo e agli operatori umani formano una “fabbrica intelligente”.

Nel caso dell’aria compressa, si tratta di sistemi di controllo intelligenti che raccolgono automaticamente i dati dai sensori nel sistema pneumatico e regolano, ad esempio, le prestazioni del compressore di conseguenza.

Sensori in rete

I sensori collegati in linea, ad esempio possono monitorare il flusso d’aria volumetrico ,  il contenuto di particelle olio residuo e  il punto di rugiada in pressione.  Se necessario, il sistema di monitoraggio automatico può avvisare immediatamente l’operatore di perdite indesiderate, filtri intasati, valvole aperte e simili.

Invece degli addetti alla manutenzione che girano fisicamente intorno alle singole macchine e alle distribuzioni nel sistema pneumatico, tutto viene monitorato automaticamente da remoto . I sistemi computerizzati forniravnno anche la pianificazione della manutenzione preventiva . Come abbiamo descritto negli articoli precedenti, la manutenzione preventiva è sempre più economica della riparazione di un sistema pneumatico malfunzionante.

Siete a corto di lavoratori per far funzionare il sistema pneumatico? Senti la necessità di modernizzare la tua tecnologia e ridurre i costi dell’aria compressa? Sulla base dell’esperienza pluriennale dei nostri esperti vi aiuteremo a progettare, modernizzare e controllare i sistemi di distribuzione dell’aria compressa, rilevare e misurare le perdite, eseguire revisioni o formare gli operatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *