Ridurre i costi dell’aria compressa.

Stai limitando la produzione? Ridurre i costi dell’aria compressa.

È ora di risparmiare

Il periodo di ferie combinato con il coronavirus significa interruzioni della produzione o almeno una riduzione nella maggior parte delle aziende industriali ceche. Di pari passo con questo nasce la necessità di ridurre i costi. L’aria compressa si offre quindi come una costosa forma di energia.

Per quanto?
Quanto ci influenzerà la depressione e per quanto tempo? Vale la pena continuare a far funzionare un sistema pneumatico con la capacità attuale o sarebbe sufficiente uno più piccolo, più efficiente e con costi inferiori? L’aspetto temporale è importante per l’ulteriore processo decisionale, ma per la maggior parte delle aziende rappresenta un grande punto interrogativo.

Assumeremo quindi ottimisticamente che l’attuale sistema pneumatico, comprese le distribuzioni, sia correttamente dimensionato, il compressore sia in buone condizioni senza guasti imprevisti e l’economia tornerà a un livello ragionevole nel prossimo futuro. Quindi ci concentreremo sulla riduzione dei costi della tecnologia esistente.

Corri a vuoto

La domanda di aria compressa varia nel tempo. Anche a vuoto, il compressore utilizza circa il 25-40% dell’energia elettrica che utilizza quando funziona a piena potenza. Il primo passo per risparmiare energia è limitare il tempo di funzionamento a vuoto del compressore.

Se si dispone di più compressori nel sistema pneumatico, il loro avviamento può essere controllato da un sistema centrale. Meno fabbisogno di aria compressa significa meno compressori in funzione. Se possibile, è ideale spegnere completamente i compressori non necessari in modo che non funzionino a vuoto.

Riduzione della pressione

Regolare la pressione dell’aria in modo che sia sufficiente per la tecnologia di produzione, ma non eccessivamente elevata. Una riduzione di pressione di 1 bar significa circa il 7% di risparmio di energia elettrica.

Manutenzione regolare

L’ispezione e la manutenzione proattive possono far risparmiare sui costi per l’aumento del consumo energetico, la riduzione della qualità del prodotto o i tempi di fermo della produzione. È particolarmente importante per i filtri e i luoghi in cui potrebbero verificarsi perdite d’aria.

Eliminazione delle perdite

Quasi ogni tecnologia pneumatica soffre in una certa misura di perdite. Per i sistemi pneumatici regolarmente mantenuti e ben installati, le perdite sono generalmente del 5-10%, per quelli non mantenuti possono raggiungere il 30-50%. Più vecchio è il sistema pneumatico, più comune è il verificarsi di perdite. Fino all’80% di questi casi non può essere udito dall’orecchio umano e può quindi essere dannoso per lungo tempo. Ora è il momento perfetto per trovare ed eliminare le perdite.

Le perdite sono generalmente causate da corrosione, danni fisici alle linee di distribuzione o errore umano. Si trovano più spesso qui:

  • montaggio a vite,
  • innesti rapidi,
  • capezzoli,
  • valvole,
  • cilindri,
  • unità di trattamento.

Puoi leggere di più sulle perdite di aria compressa e su come trovarle tu stesso fino a una distanza di 30 metri con l’aiuto del rilevatore di ultrasuoni.

Recupero di energia

La compressione dell’aria crea una grande quantità di calore, che è per lo più inutile rilasciato nell’atmosfera. In pratica, circa il 70% del calore residuo può essere utilizzato per i compressori a olio e fino al 94% per i compressori oil-free raffreddati ad acqua. Questo calore può riscaldare l’acqua o riscaldare gli edifici, risparmiando sui costi energetici.


Hai dovuto limitare la produzione e vuoi ridurre il costo dell’aria compressa ? Non sei sicuro di come farlo? Sulla base dell’esperienza pluriennale degli esperti vi aiuteremo a controllare le distribuzioni dell’aria compressa, rilevare e misurare le perdite in esse e, in generale, rendere più efficiente il funzionamento della vostra tecnologia pneumatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *